27 ottobre 2011

Le recensioni di Altribit: la Persia che non t'aspetti su MSX....e che inspiegabilmente continua ad infestare queste pagine

Ali Baba and 40 thieves ((Sega 1982, Coin-Op-ICM 1984, Msx, Suzy Soft 1985/87 Spectrum, C64)
Non vedrete la luce per tutto il gioco....
Nel 1982 i giochi si somigliavano un pò tutti o quasi, o meglio ad esempio titoli seminali come Space Invaders influenzarono pesantemente gli sparatutto di quegli anni (mi verrebbe da dire, non senza un certo rammarico, che oggi siamo tornati indietro a quei tempi :/), cosi' come i bootleg più o meno autorizzati si sprecavano: non sorprende che rimaneggiando un pò PacMan (e non a caso l'hardware e di conseguenza il driver del Mame sono gli stessi) la Sega fosse riuscita a congeniare questo "Ali Baba and 40 thieves". Lo scenario di gioco era l'allora consueto labirinto con dei ladroni al posto dei fantasmini che cercheranno di rubare il vostro tesoro (per la cronaca voi impersonificate Ali' Baba) dal fondo dello schermo sacco per sacco, starà a voi intercettarli in tempo prima che venga interamente trafugato nel loro covo posto nella parte alta dello schermo senza farvi catturare dal loro perfido capo pena la vita. Al centro del dedalo c'è un contatore che decrementerà ogni volta che arrestate un ladro, una volta azzerato sarete gratificati da una scenetta di intermezzo e passerete al quadro successivo. Occhio ai mistery items, il labirinto scompare per alcuni secondi e uno tra voi o il cattivone sarà ingigantito con piena licenza di far ciò che vuole. Largo ai commenti:




I punti di domanda sono esistenziali...
Coin-Op (Gixio): Un mazegame che rivoluziona il tema di Pac-man introducendo l'elemento tira e molla come carta vincente; dove Ali baba & the 40 Thieves (conosciuto anche come Thief) non convince è nel design degli sprites, decisamente più anonimi degli illustri protagonisti Nintendo & Namco, figure di rilievo di quegli anni videoludici. In apertura di partita un breve tutorial (con un accompagnamento che fa l'occhiolino al Bolero di Ravel, roba da voltastomaco) vi faciliterà quello che in fin dei conti non è un compito arduo, il giochino è infatti piacevole e mi ha fatto passare un paio di quarti d'ora spensierati, finchè le varianti a disposizione hanno inevitabilmente saturato ogni mio interesse. Da non confondere con l'omonimo role playing game uscito per Atari 800 Apple II & PC 88 per mano della Quality Software, un'avventura dinamica che univa più o meno sapientemente (di fatto cmq risulta essere uno dei primissimi esempi del genere, datato com'è anch'esso 1981....l'anno di Alibabà nei videogiochi si direbbe NdR) puzzles ad atmosfere ed elementi di ricerca e combattimento alla Dungeons & Dragons. Globale: 65%



Il tesoro per il momento sembrerebbe al sicuro
Msx (Lanch): Non che l'hardware e la conoscenza degli 8 bit casalinghi permettesse miracoli all'epoca ma sento che la ICM avrebbe potuto sforzarsi molto di più in termini di fedeltà all'originale, chi abbia lasciato almeno una manciata di gettoni nel coin-op non potrà fare a meno di provare uno sgradevole senso generale di spaesamento: la mappa di gioco è stata inspiegabilmente stravolta e la disposizione dei muri sfalsata cosicchè inseguiti dal cattivo di turno ci sono grosse probabilità di impattare in una strettoia a imbuto contro un solido ostacolo e terminare anzitempo la propria corsa; qua il boss, al pari dei ladroni, non segue il rassicurante percorso abituale del cabinato (chi non ricorda i patterns prestabiliti di Pac Man?) ma si getta come un missile a ricerca calorica all' instancabile inseguimento di Ali' Babà e il problema di design dell'area di gioco sopra accennato causerà non poche morti di cui sarete incolpevoli, quasi per compensare questi problemi i ladri sono diventati molto meno sfuggenti dell'originale e già dal primo quadro ne basterà catturare la metà rispetto al coin-op per passare al livello successivo. Una delusione per gli amanti della versione da bar e un gioco nella media per tutti gli altri. Globale: 65%




C64 o Spectrum , l'estetica cambia poco....
Spectrum/C64: a distanza di anni (ben 4) la Software House serbo-croata Suzy Soft, sedotta dalle vicende de "Le mille e una notte" e autrice peraltro del clone Flower Man, di un orrendo platform monocromatico dal nome di Kljuk e del discutibile educational che risponde al nome di Sestavljanka, pensa bene di convertire il gioco su Spectrum & C64. Sicuramente non ne sentivamo la mancanza....la disposizione dei muri è stata ulteriormente stravolta e la versione Commodore si uniforma un pò troppo all'estetica spectrumiana (leggasi: utilizzo di sprites monocromatici e musiche su un canale solo). Inoltre, inspiegabilmente il motivo centrale d'accompagnamento è cambiato (evidentemente i programmatori erano incapaci di suonare il Bolero e hanno preferito un popolarissimo Mozart: la cosa mi irrita un pò in quanto avrei preferito di gran lunga un pezzo originale...ma forse chiedo troppo).......Globale Spectrum: 45% C64: 25%

3 commenti:

Gianluca Santilio ha detto...

Articolo molto interessante. Stavo cercando informazioni su questo titolo e mi ritengo più che soddisfatto :)

Il Circuito della Sete ha detto...

Troppo buono :)

se può interessarti, recentemente SMS Power ha dissotterrato qualcosina http://www.smspower.org/Games/AlibabaAnd40Thieves-SMS

Gianluca Santilio ha detto...

L'esclusiva per il mercato coreano è una chicca notevole :D